Follow Us

Copyright 2014 Brand Exponents All Rights Reserved

PERCORSI TURISTICI

La patria del Taleggio, delle poste e di Arlecchino

La Val Taleggio, patria del Taleggio e dello Strachitunt, nota come la “piccola Svizzera bergamasca”, è una vallata secondaria della Val Brembana, raggiungibile da San Giovanni Bianco percorrendo il suggestivo Orrido, ovvero una tortuosa forra scavata nella roccia dal torrente Enna. Prima di imboccare l’Orrido sorge Oneta, delizioso borgo natale dell’Arlecchino; con una piacevole passeggiata nel bosco si raggiunge Cornello dei Tasso, annoverato fra i Borghi più Belli d’Italia. Il borgo è rimasto pressoché intatto nei secoli grazie all’isolamento causato dalla sostituzione della Via commerciale Mercatorum con la Via Priula, nel 1592, che percorre grosso modo l’attuale strada provinciale. Inconfondibili la via porticata, un tempo sede delle botteghe e del ricco mercato settimanale, le facciate dei palazzi affrescate con gli stemmi di famiglia, fra i quali spicca la dinastia dei Tasso, e infine la chiesa romanica, che domina l’abitato e la silenziosa natura circostante. Imperdibili i ruderi della dimora della famiglia Tasso, celebre per aver fondato e diffuso in Europa il sistema postale, al quale è dedicato un completo museo.

Borghi e gusto all seasons

1° giorno
Arrivo in Val Taleggio e visita a un’azienda di produzione del Taleggio e dello Strachitunt. A seguire, visita a una cantina di stagionatura, storica artigianalità per la quale si sono da sempre distinti i valtaleggini (www.arnoldivaltaleggio.it).
Al termine della visita ci si potrà mettere nei panni dei produttori caseari con una delle installazioni interattive realizzate dal locale ecomuseo, ovvero un patrimonio a cielo aperto distribuito sul territorio, dove anche gli abitanti e i loro saperi fanno parte della ricchezza culturale, storica e sociale da scoprire. Da notare passeggiato attraverso la Val Taleggio le singolari baite con i tipici tetti in piöde (ardesia locale) e i roccoli per la caccia.
Dopo la sistemazione in una tipica baita ristrutturata, o in albergo, cena in un ristorante locale con antipasto di degustazione dello Strachitunt e piatti cucinati secondo le ricette del territorio.

2° giorno
Visita guidata a Cornello dei Tasso e a seguire breve passeggiata attraverso il pianeggiante e ombreggiato bosco per giungere a Oneta, piccolo nucleo abitato di antica costruzione, dove spicca la casa natale di Arlecchino, emigrante locale divenuto una maschera buffa e goliardica.
Termine dell’itinerario.

Consiglio fuori programma: Gli amanti della moto non possono perdersi un tour attraverso la stretta strada che da Avolasio di Vedeseta conduce in Valsassina attraverso la Culmine di San Pietro, così come imperdibile è un visita alla confinante Valle Brembilla, costellata di architettura rurale nei paesi di Brembilla, Gerosa e Blello, il comune più piccolo della bergamasca.